Veranstaltungskalender

Eventi

Cosa c’è in programma alla Casa di Goethe?

Mese attuale

Novembre

C’ERA UNA VOLTA LA CADUTA DEL MURO

Incontro live con Thomas Brussig e proiezione del film Helden wie wir – Eroi come noi

Organizzato da Goethe Institut Rom in cooperazione con la Casa di Goethe

Martedì 9 novembre 2021, ore 19

Dove: Auditorium del Goethe-Institut Rom

Via Savoia, 15, 00198 Roma

Gratuito, su prenotazione online, solo con Green Pass
+39 06 8440051
info-roma@goethe.de

ore 19: Incontro con Thomas Brussig, l’autore del romanzo bestseller Eroi come noi (1995) in occasione dell’anniversario della caduta del muro di Berlino. Modera Francesco Pietro Cristino, Rai 1 (traduzione simultanea).

ore 20: Proiezione del film Helden wie wir, regia di Sebastian Peterson, D 1999; 90’ (con sottotitoli in italiano).

Thomas Brussig

Thomas Brussig è uno degli autori di maggior successo dell’ex DDR. Nato a Berlino nel 1964, si è affermato come scrittore con il romanzo Eroi come noi (1995), accolto dalla critica come miglior satira su La svolta (Die Wende). Dalla sua commedia Am kürzeren Ende der Sonnenallee (In fondo al viale del sole) fu tratto il film di Leander Haußmann, divenne un successo al botteghino nel 1999. Ha scritto la sceneggiatura per Heimat 3 – Cronaca di una svolta epocale, terza parte della trilogia cult diretta da Edgar Reitz. Nel suo ultimo romanzo pubblicato nel 2020 Die Verwandelten Brussig traccia uno schizzo ironico della società tedesca di oggi. I suoi libri sono tradotti in 32 lingue. Attualmente Brussig è borsista alla Casa di Goethe a Roma (diventa LINK https://casadigoethe.it/it/ora-a-roma/).

Helden wie wir

Versione cinematografica dell’omonimo romanzo diretto dal regista Sebastian Peterson. È la storia dell’ingenuo agente della Stasi, un Forrest Gump della DDR, che diventa eroe suo malgrado alla caduta del muro. Klaus non si interessa di politica e di ciò che sta accadendo intorno a lui, il suo unico sogno è visitare con la dissidente Yvonne, di cui è innamorato fin dall’infanzia, un campo di tulipani vicino ad Amsterdam. Fra realismo e fumetto, documentario e invenzione, il film offre un’alternativa spiritosa alla storiografia ufficiale.

 

DA DOVE VIENE L’ENTUSIASMO DEI TEDESCHI PER L’ ITALIA?

Conversazione con Golo Maurer

Heimreisen: Goethe, Italien und die Suche der Deutschen nach sich selbst (Rowohlt 2021) – Viaggio a casa. Goethe, l’Italia e la ricerca dei tedeschi di sé stessi

Evento in cooperazione con Accademia Tedesca Roma Villa Massimo

Dove: Villa Massimo, Largo di Villa Massimo, 1-2, 00161 Roma

Mercoledì 24.11. 2021 alle ore 19

Benvenuto: Julia Draganovic

Golo Maurer conversa con Giovanni Sampaolo
Moderazione: Maria Gazzetti
In tedesco con traduzione simultanea
Gratuito, solo su prenotazione online e con Green Pass
Live streaming

Non c’è dubbio, fu solo a Roma che il consigliere segreto di Weimar, afflitto da una crisi di mezza età, torna ad essere un poeta e una persona felice. Il viaggio in Italia di Goethe non fu solo il primo viaggio di un tedesco alla scoperta di se stesso, ma un esperienza che scatenò un entusiasmo per l’Italia che continua ancora oggi e sembra non avere colore politico, né età. Maurer mostra, con una vivace penna ironica, come l’esperienza di Goethe in Italia divenne un modello per le generazioni tedesche che lo seguirono, da Fanny Mendelssohn a Thomas Mann e Ingeborg Bachmann. Nel XIX secolo l’amore per l’Italia divenne addirittura parte dell’identità tedesca: si amava l’Italia, ci si identificava con Goethe, quindi ci si sentiva tedeschi. Questo non ha impedito che un filo di presunzione si insinuasse nella sete di conoscenza della cultura italiana – perché “si è i soli veri conoscitori dell’Italia”. I critici del Belpaese come Herder, Gustav Nicolai e più recentemente Rolf Dieter Brinkmann sono ancora oggi considerati quasi dei tabù. La conclusione di Maurer: il viaggio nella terra dei limoni in fiore può diventare un “viaggio a casa” (Heimreise) solo se le esperienze e i ricordi sono i propri e non il copione goethiano.
Golo Maurer
Golo Maurer (1971), storico dell’arte, è direttore della biblioteca della Bibliotheca Hertziana a Roma. Al centro delle sue ricerche è il tema dell’immagine che i tedeschi hanno dell’Italia e la tradizione tedesca in Italia. Ha pubblicato diversi libri come “Preußen am tarpejischen Felsen – Chronik eines absehbaren Sturzes. Die Geschichte des Deutschen Kapitols in Rom 1817–1918” (2005).
Giovanni Sampaolo
Professore ordinario di Germanistica all’Università Roma Tre, noto esperto di Goethe e della letteratura austriaca contemporanea, socio della Goethe-Gesellschaft di Weimar.